giovedì 30 giugno 2011

mi chiedo :

è peggio perdere qualcuno che si è conosciuto o di cui non si hanno ricordi...

mercoledì 15 giugno 2011

la semplicità paga


Riflettevo sull'importanza della semplicità. in ogni sua forma. in ogni sua manifestazione.
Adoro avere a che fare con persone semplici. pacate. che parlino in modo educato .
credo sia una carta in più. un biglietto da visita che prevalga su tutto il resto.

mi riferisco a chi apre bocca solo per dire qualcosa di interessante. non a sproposito.
non a chi non parla perchè non ha niente da dire.
a chi osserva e analizza tutto con attenzione.
non a chi in modo sgraziato si guarda attorno per noia.

a chi si siede in maniera composta.
a chi è attento ai particolari. ai tuoi umori.
a chi pensa sempre prima di parlare.non fa mai domande inopportune. battute fuori luogo.
a chi porge sempre domande in modo delicato e ti guarda negli occhi.
a chi è sensibile.
a chi è superiore alle chiacchiere. alle malelingue.
a chi non ascolta i pettegolezzi.
a chi non spende mai opinioni negative su nessuno. per principio.
a chi è profondamente onesto.
a chi non parla mai sopra gli altri.
a chi preferisce distinguersi che copiare la massa.
a chi non importa essere sempre perfetta.
a chi ha altro per la testa quando si trova in mezzo a discorsi inutili.
a chi si lamenta poco o quasi niente.
a chi, in fila alla cassa, ti fa passare in fila.
a chi a un incrocio si ferma per darti la precedenza e ti sorride.
a chi ti aiuta con le buste della spesa anche senza conoscerti.
a chi raccoglie per strada i bisognini del cane senza timore
a chi restituisce un borsellino trovato per strada.
a chi in qualsiasi occasione è "spontaneamente" se stesso.
a chi ha pensieri profondi.
a chi ha le idee chiare.
a chi accetta i consigli. a chi riflette sulle critiche.
a chi non è permaloso.
a chi è ironico.
a chi non conosce le parole "compromesso" "vendetta" e "invidia"
a chi sogna ad occhi chiusi e aperi.
a chi si commuove guardando un paesaggio.
a chi cerca di fare soltanto del bene. nonostante tutto.
a chi crede nell'amicizia e nella sua grande forza.
a chi ha dei progetti a cui tiene e mette tutto se stesso.
a chi parla da solo.
a chi apprezza la buona musica.

a chi ha un sorriso per tutti. a chi è gentile. sempre.

mercoledì 8 giugno 2011

dentro me tutto un mondo


Non ho certo la presunzione di essere l'unica, ma ho molto spesso la sensazione di vivere in un mondo a parte. un mondo tutto mio dove per ora, platonicamente, son riusciti ad entrare davvero in pochi.
la mia è una vita normale, le mie giornate sono scandite come per tutti dalle solite cose : lavoro-pranzo-lavoro-cena-serate col fidanzato-uscite con gli amici. ma io non faccio solo questo. c'è di più. molto di più.
io viaggio ogni giorno. i miei pensieri vanno oltre confini conosciuti. vivo in un mondo tutto mio. una vita parallela in cui intraprendo mille dialoghi e logiche. è tutto scombussolato lì. e anche un pò faticoso a dire la verità..ma la mia mente viaggia lontano e io non la so fermare...

non a caso "il mago di oz" è da sempre la mia favola preferita
mi sento un pò Dorothy